• Quantit√†:
Sconto:
Spedizione:
Pagamento:
IVA:
Totale: su preventivo
Il tuo carrello è vuoto.

Consorzio Vera Pelle Conciata al Vegetale

 

Cartellino vera pelle italiana conciata al vegetale

Nel 1994 la Conceria La Perla Azzurra assieme ad alcune concerie del comprensorio del cuoio fonda il Consorzio Vera Pelle Italiana Conciata al Vegetale. 
L'iniziativa riscuote subito un grande successo, il che porta all'aumento delle concerie associate, ad oggi 23.

Solo le concerie associate al Consorzio Vera Pelle Italiana Conciata al Vegetale possono esporre il marchio e fornire cartellini di garanzia!

 

richiedi cartellini

linea home

Cartellino di Garanzia 

 


Guanto in pelle

 

 

Aumenta il valore percepito


Ogni cartellino riporta il logo con una filigrana anti falsificazione, con un numero progressivo che potrà far risalire l'utente finale alla conceria che ha prodotto quella pelle.

Disponibile in Italiano/Inglese/Russo o Italiano/Inglese/Giapponese il consorzio offre un sigillo di garanzia con chiusura irreversibile, da allegare al manufatto.

E' ormai confermato da moltissimi artigiani/firme che lo usano, che dell'accoppiata cartellino/sigillo aumenta il valore percepito dell'oggetto, dando un immagine di raffinatezza, eleganza ma soprattutto di esclusività. 

Inoltre crea nel cliente la sensazione di sicurezza sul prodotto che sta comprando, perché mai come oggi il consumatore è attendo alla qualità e ai materiali impiegati per produrre un oggetto.

linea home

Cosa fa il Consorzio?
...non solo un associazione...

Istituto Italianao Arte Tokyo

 Esposizione in Giappone, Tokyo

 

E' un vero e proprio stile di concia, con dei limiti e dei parametri molto severi da mantenere nelle pelli, con controlli ed esami di laboratorio effettuati periodicamente, per garantire al cliente una sicurezza nell'acquisto.

Non solo controlli, il consorzio si rivolge a tutti gli interlocutori della filiera della pelle con attività pensate appositamente per ogni tipo di pubblico, dalle visite in conceria delle scuole e istituti di moda, alle ricerche o alle pubblicazioni sulle tendenze emergenti per stilisti e produttori, e conferenze stampa per i giornalisti.

Questo ha fatto si che il pellame delle concerie associate sia stato riconosciuto in tutto il mondo, ritagliandosi una nicchia di mercato che oltre all'alta qualità, ricerca uno stile che si personalizza nel tempo.

 

Da anni il Consorzio sponsorizza il progetto “Craft The Leather” che  mira a coinvolgere una selezione di giovani designer provenienti dalle più prestigiose scuole di moda internazionali per introdurli alla conoscenza del mondo della produzione toscana della pelle conciata al vegetale, finalizzato alla realizzazione di modelli di accessori (scarpe, borse, accessori vari)

Guarda alcuni lavori...

linea home
Marchio di Qualità
...firmato Oliviero Toscani...

 

Oliviero Toscani

E' stato proprio il celebre fotograto a curare la grafica del logo, con un nome pensato per dare risalto alla Toscana regione conosciuta e apprezzata in tutto il mondo.

D'obbligo il termine "vegetale", che evoca l'antica tradizione conciaria del territorio e nello sfondo una mano, simbolo che richiama l'artigianalità con la quale ancora oggi sono prodotte le pelli conciate al vegetale.

 

Logo che, grazie alle iniziative di Oliviero, come ad esempio i suoi calendari, le esposizioni, è oggi famoso e riconosciuto in tutto il mondo, come sinonimo di qualità e affidabilità.




linea home

Controlli Anti-Frode per tutti!
..per Concerie e Produttori...


A volte degli ispettori possono comprare un manufatto dove c'è apposto un cartellino, e fare analisi di laboratorio al pellame, risalire alla conceria che l'ha conciato e verificare che i parametri all'interno della pelle siano conformi con i severi standard del consorzio.

In caso di mancato rispetto dei limiti di tolleranza, la conceria verrà espulsa dal consorzio. Fino ad oggi è successo per 1 sola azienda.

E' già successo che qualche negozio sia stato sorpreso ad apporre cartellini su prodotti non realizzati con pelle delle concerie associate, in questo caso il consorzio intenterà causa a chi ha commesso l'illecito, indagando approfonditamente sul motivo per il quale il cartellino non si trovava su un prodotto inerente al marchio.

font-weight: bold;